<< INDICE

 

Paisi mio luntanu

(G. piscopo, A. Zarcone - M.G. Rossi - La Moresca)

 

Iu n'un vulia ca, ca tu partivi,

iu la sintia ca, ca nun turnavi.

Lestu passa lu tempu di, di l'allegria

Da quannu a morti ma, m'arrubba a tia.

La casa 'nterra e li mura cadenti,

si sentinu li chianti e li lamenti.

 

RIT.:

Cca nuddru parla e nuddru dici nenti,

nni stu paisi Cristu e sempre assenti.

 

Ristaru vecchi, fimmini e carusi

e tanti latri ca 'ni fannu abbusi,

semu custretti a partiri luntanu,

a moriri pi strada 'ni lu chianu.

Di li finestri l'urtimu salutu

e lu ritornu Ŕ fatto 'ntra un tabutu.

 

RIT.:

Cca nuddru parla e nuddru dici nenti,

nni stu paisi Cristu e sempre assenti.

 

Ritornu amaru e sempre dipiratu

unni la ligi sempri 'na scacciatu.

Liggi di papi, principi e baruna

pi tanti seculi nostra sfortuna.

Ma sta leggenda l'avemu a sfatari,

nu giornu la giustizia avi a triunfari.

 

RIT.:

Cca nuddru parla e nuddru dici nenti,

nni stu paisi Cristu e sempre assenti.

 

TRADUZIONE: Io non volevo che tu partissi, lo sentivo che non saresti tornato. Presto passa il tempo dell'allegria da quando la morte mi ha rubato a te. La casa a terra e le mura cadenti, si sentono i pianti e i lamenti. RIT.:Qua nessuno parla e nessuno dice niente, in questo paese Cristo Ŕ sempre assente. Sono rimaste donne vecchi e bambini e tanti ladri che ci fanno abusi, siamo costretti a partire lontano, a morire per la strada, nella pianura. Dalle finestre l'ultimo saluto e il ritorno Ŕ fatto in una bara. RIT. Ritorno amaro e sempre disperato laddove la legge sempre ci ha scacciato. Legge di papi, principi e baroni per tanti secoli nostra sfortuna. Ma dobbiamo sfatare questa leggenda, un giorno la giustizia dovrÓ trionfare.